Errori da evitare:

1. Tenere le redini troppo corte

" il  cavallo cerca di aumentare la velocità nonostante tu cerchi di rallentarlo. La sua testa è alta, la bocca spalancata, e non tende a rilassarsi; si agita scuotendo la testa e strappando continuamente le redini dalle tue mani.

Benché sembri poco intuitivo per un cavaliere dilettante, le redini devono essere più posibile  per dare un po' di sollievo alla bocca del nostro cavallo e permettere allo stesso di rilassarsi, abbassando l'incollatura.

Le redini sono state concepite come un mezzo di comunicazione tra te e il cavallo, non sono un freno. Chiedi ad un istruttore di darti suggerimenti su come applicare la giusta pressione alla bocca del tuo cavallo.

2. Gambe troppo avanti e postura errata

Un cavaliere è ben bilanciato quando le spalle, i fianchi, i polpacci e i talloni sono in linea verticale rispetto al baricentro del cavallo (come indicato su tutti i manuali di equitazione)

" prova a  roteare il bacino in avanti per spingere le gambe più indietro. Respira profondamente e rilassa la parte bassa della tua schiena, i fianchi, lascia che le tue gambe cadano in modo naturale lungo i fianchi del cavallo .

3. Lasciare che il cavallo si muova mentre stai salendo in sella

Mai salire sul cavallo se questi non è pefettamente fermo,   mai !!!

Forse il tuo cavallo ti sta mettendo alla prova, o non è mai stato addestrato a rimanere fermo intanto che un cavaliere sale in sella. Il problema  deve essere risolto prima di procedere.

Potresti essere tu stesso a causare il problema: Non salire velocemente usando la forza delle gambe e delle braccia o sbilanciando il cavallo con il tuo peso mentre ti arrampichi.

Assicurati sempre che le redini siano sufficientemente morbide ondea evitare che il cavallo vada in back, ma comunque abbastanza corte da evitare che il cavallo proceda in avanti.

" Per insegnare al cavallo a stare fermo, tenete entrambe le redini rilassate e insistete che il cavallo non si muova con un semplice ed incisivo "Whoa". Dopo essere saliti fatelo rimanere fermo per alcuni attimi per rinforzare il concetto "Non ci muoviamo finché non lo dico io."

4. Non guardare dove vogliamo andare

Anche i cavalieri  esperti a volte dimenticano di guardare dove stanno andando. Appena si impara a cavalcare, ci sono un sacco di cose da ricordare,  una componente basilare e fondamentale è sempre tenere la testa alta e guardare la direzione in cui si intende proseguire .

Concentrarsi sulle gambe, staffe,ecc... nell'insieme creano delle variazioni più o meno piccole di peso ed una serie di messaggi confusi  che potrebbero sicuramente dare al cavallo dei  comandi sbagliati.

Guarda sempre dove vai e ti accorgerai di come il cavallo capisca dove tu voglia andare e di come tutto sembrerà più bilanciato e semplice .

5. Lasciare che il cavallo prenda il controllo

Non permettere:

  • Che il cavallo mangi ciuffi d'erba o altri cibi golosi per lui mentre siete in passeggiata
  • Che il cavallo strofini la sua testa contro di te
  • Che il cavallo ti spinga con il corpo o la testa o tenti di mordicchiarti
  • Che tu ti debba spostare per evitare che il cavallo ti venga addosso e ti calpesti
  • Il tuo cavallo non ti rspetta:

- se vuole continuamente mangiare erba richiamalo con le redini e dagli impulso deciso con gambe e voce affinché   continui ad avanzare. Fallo sempre ogni volta che cerca di abbassarsi per mangiare l'erba. Cercare di tirargli su la testa con la forza gli insegna solo a mettersi contro le tue mani.

Sono espressioni di prepotenza, un sintomo che ti obbliga ad essere più incisivo con il cavallo. Chiedere ad un cavallo di rispettare dei limiti fisici non dimostra solo capacità di gestire il cavallo ma ti tiene in sicurezza. Queste abilità si esercitano bene da terra con un cavallo che sa o impara a destreggiarsi con le operazioni chiamate "lavoro a terra".